lunedì 29 febbraio 2016

Post del lunedì con le autoreggenti ma senza Giulia

Ho passato la domenica con Giulia. Sabato mi ha dato buca, aveva da fare e una che lavora in aereoporto ha sempre da fare.
Negli ultimi mesi, non so perchè, ancora di più. Al telefono era Giulia impegnata e di fretta, io invece piacione e coglione; così lei mi ha liquidato in fretta -Ci vediamo domattina alle 10, ok? – Ok, certo, avevi già messo giù! Non è stata una bella giornata ieri. Non ci siamo lasciati ma neanche presi Giulia. Ci siamo misurati, in giro, a pranzo e dopo. Sul dopo meglio stendere un velo perchè io che avevo una gran voglia stupida di te, me la son tenuta visto che mi parlavi e parlavi e parlavi, e accavallavi e scavallavi le gambe e avevi sù le autoreggenti che ti stanno bene da morire ( ti sta bene tutto).
Va bene, ho capito, parliamo, sono tranquillissimo. Ho pensato che significa? Me la fa sentire nell’aria con la faccia di chi dice – Stai fermo lì! si guarda ma non si tocca! Zitto che adesso ho da dirti delle cose.-
Ed io zitto son stato zitto: mi sono detto – Vuoi fregarmi e farmi fare la figura dello scemo con la lingua di fuori e gli ormoni senza controllo? E io sono tranquillo, Vedi? Tranquillissimo, delle tue cosce e del tuo profumo non me ne frega niente. Parliamo, è meglio, dobbiamo chiarire dolcemente alcune cose, alcuni momenti- Parliamo che questi cazzo di uomini che con la loro idea fissa sono insopportabili. Giulia guarda come sono corretto. Riesco perfino a guardarti negli occhi invece che nella scollatura, e discutiamo… dei momenti che, delle sensazioni che poi, delle, delle delle delle delle………… via.
– E poi, guarda Piero, l’ho notato che non ti attraggo più come prima. Che sei distante e distaccato, non mi guardi più. Insomma non hai tensione verso di me.-
Prendi il paltò, ti alzi, mi baci sulla guancia e ci sentiamo domani, è tardi ho un sacco di cose da sbrigare. Ma porca miseria Giulia, è tutta una finta, ma dove vai ( che gambe madre santa che gambe) Giulia dai sono eccitato come un cerino in mezzo ai fuochi d’artificio. Andata! E so che non leggerai nemmeno questo scritto, cosa tene frega a te dei blog. Giulia porca miseria che lunedì di merda.

Nessun commento:

Posta un commento

Puoi commentare

Visualizzazioni totali